Orientarsi nella scelta dei ramponi

Se tornassimo indietro di soli 25 anni ed entrassimo in un negozio di articoli da alpinismo non avremmo quasi difficoltà a scegliere i nostri nuovi ramponi, ma siamo praticamente nel 2017 e in questi ultimi anni lo sviluppo dei materiali ha subito una vera e propria impennata, tanto che oggi scegliere un paio di ramponi non è cosa facile. 

Per prima cosa bisogna avere ben in mente quali sono i nostri obiettivi e per quale tipologia di alpinismo abbiamo bisogno di un paio di ramponi: se per una traversata estiva dalla Aguille du Midi fino a Punta Helbronner, se per una via di misto sul Triangle du Tacul o per una cascata di ghiaccio nella valle di Cogne o, addirittura, per risalire un pendio troppo ripido per le pelli dei nostri sci da skialp e raggiungere la partenza di una magnifica discesa in fuoripista. Insomma ogni tipologia di alpinismo ha il suo tipo di ramponi specifico.

Crampons1

Tipologia d’attacco

È quella che si nota fin da subito, senza bisogno di conoscenze particolari, per questo abbiamo deciso di partire da qui. Ci sono tre tipi di sistemi d’attacco per i ramponi moderni: Automatici, Semi-Automatici e universali.

Automatici: sono quelli che assicurano il miglior attacco possibile sugli scarponi che presentano gli intagli per alloggiare la gabbietta anteriore in metallo e la leva regolabile di aggancio (solitamente realizzata in plastica) sul tallone. La maggior parte presenta anche una fettuccia in tessuto di sicurezza per evitare di perdere il rampone in caso di sgancio accidentale. Questo sistema di attacco è presente prevalentemente su ramponi in acciaio molto tecnici. Si utilizzano su scarponi rigidi pensati per alpinismo di alto livello, arrampicata mista o arrampicata su ghiaccio. Questo Sistema di aggancio è anche utilizzato sui ramponi in alluminio ultraleggeri pensati per lo sci alpinismo.

UN ESEMPIO: Black Diamond Stinger 

Crampons2

Semi-automatici: I ramponi semi-automatici utilizzano un sistema ibrido, con leva automatica regolabile sul tallone, mentre in punta presentano una gabbietta in materiale plastico o in fettuccia che avvolge la punta dello scarpone. Si adattano a tutte le calzature che presentano l’intaglio automatico posteriore, ma non in punta, normalmente  meno rigide rispetto a quelle per ramponi automatici e di conseguenza più sensibili nel contatto con la roccia. I ramponi semi automatici possono anche essere utilizzati sugli scarponi da scialpinismo.

UN ESEMPIO: Grivel G22

Grivel G22

Ramponi universali: Così chiamati perché possono essere montati su quasi qualsiasi scarpone da montagna. Rappresentano per la maggior parte modelli entry level adatti a chi si sta avvicinando al mondo del ghiaccio oppure per chi desidera un rampone per l’alpinismo classico e per lunghi avvicinamenti su ghiacciaio. Presentano due gabbie in plastica o fettuccia che avvolgono sia punta, sia tallone e vengono messe in tensione, legando saldamente il rampone allo scarpone, tramite una sistema di fibbie.

UN ESEMPIO: Black Diamond Neve Strap

Black Diamond Neve Strap

Ecco riassunte in tabella le compatibilità tra ramponi e scarponi:

Automatici

Semi-automatici

Universali

Scarponi da sci, Scarponi da alpinismo tecnico con suola rigida con intagli ramponabili in punta e sul tallone.

Scarponi da sci, Scarponi da alpinismo e trekking con suola rigida o semirigida che presenta l’intaglio ramponabile sul tallone

Scarponi da sci alpinismo, qualsiasi scarpone da trekking di alta gamma o da alpinismo

 
Tre sistemi di attacco

TIPOLOGIE D’USO

La prima cosa da fare quando pensiamo ad acquistare un rampone è pensare per quale attività utilizzeremo i ramponi.

Da qui possiamo individuare tre categorie principali:


Alpinismo classico: per questo tipo di attività si utilizza un rampone semiautomatico a 10 punte in acciaio o in alluminio. Normalmente ha una struttura con le punte anteriori orizzontali ed è indispensabile che presenti l'antizoccolo, o antiboot, una placca di plastica posizionata sotto alla parte anteriore e sotto al tallone che impedisce alla neve di accumularsi sotto al piede creando uno scomodo, e pericoloso, “zoccolo” di neve che impedirebbe alle punte di entrare efficacemente nel terreno.

UN ESEMPIO: Camp Tour Nanotech Semi-Automatic

Ice Climbing e alpinismo tecnico: per questo tipo di attività si utilizzano prevalentemente ramponi rigidi a 12 punte, con punte anteriori intercambiabili a seconda dell’utilizzo richiesto, con sistema di attacco automatico. Realizzati per la maggior parte in acciaio o in speciali leghe di ultima generazione, come ad esempio l'acciaio sandvik-nanoflex, in modo da abbassare il peso (ma alzare il prezzo). Nei ramponi tecnici per cascate di ghiaccio le punte anteriori sono ancor più 'aggressive', alcuni modelli consentono l'uso di una singola punta anteriore. Per questo utilizzo non è indispensabile (anche se sempre consigliata) la presenza del sistema anti-zoccolo.

UN ESEMPIO: Petzl Sarken

Scialpinismo: per questo tipo di attività si utilizzano i ramponi per arrivare in vetta a quelle cime che essendo rocciose non sono raggiungibili direttamente con gli sci, oppure se si devono superare tratti gelati, ghiacciati o particolarmente ripidi che risulterebbero troppo difficoltosi e pericolosi da effettuare con gli sci ai piedi. In questo caso i ramponi utilizzati sono prevalentemente automatici e a 10 punte, essendo normalmente riposti nello zaino devono essere leggeri, per questo molto spesso realizzati in alluminio o lega leggera, e compattabili (un esempio sono i Leopard di Petzl che grazie a una fettuccia centrale possono essere ripiegati su se stessi). Utilizzati prevalentemente su terreni molto innevati è buona cosa che presentino il sistema anti-zoccolo.

UN ESEMPIO: Petzl Leopard Lever Lock

Tipologie di utilizzo riassunte in tabella:

Alpinismo classico

Ice Climbing e alpinismo tecnico

Sci alpinismo

Punte: 10 o 12 punte

Materiale: acciaio o alluminio

Anti-zoccolo: indispensabile

Attacco: semiautomatico o universale

Punte: 12 punte (possono in alcuni casi una singola punta anteriore per le cascate di ghiaccio)

Materiale: acciaio o leghe leggere

Anti-zoccolo: non indispensabile, ma utile

Attacco: automatico o semi-automatico

Punte: 10 o 12 punte

Materiale: alluminio

Anti-zoccolo: indispensabile

Attacco:automatico o semiautomatico

 
Ice Climbing

Altre caratteristiche

Per ogni attività varia anche la struttura stessa del rampone, non solo il numero di punte, il materiale o il sistema di attacco.

I ramponi da ice climbing o arrampicata mista hanno una struttura molto rigida, nella maggior parte dei casi con telaio monoblocco che non presenta snodo nella parte mediana del piede. Perfetti per scalare, sono scomodi per camminare in piano o sulle creste di neve.Se invece si osserva un rampone da alpinismo classico si noterà come presentino una struttura semi-rigida con uno snodo che unisce la parte anteriore da quella posteriore e permette una minima flessione del rampone, questo migliora il confort nelle lunghe camminate, ma al tempo stesso rende il rampone preciso e solido in fase di scalata.Per quanto riguarda i ramponi da sci alpinismo, un po’ per ridurre il più possibile il peso, un po’ perché vengono montati su scarponi ultra-rigidi, nella maggior parte dei casi presentano le due parti completamente snodate, unite da leggerissime fettucce o sottili parti metalliche.

Orientarsi nel vasto universo dei ramponi in commercio non è cosa facile, ma crediamo che con queste linee guida ora abbiate una minima “cartina” per non perdervi.

Vi ricordiamo inoltre che per qualsiasi dubbio potete sempre chiedere consigli utilizando la LiveChat di EpicTV Shop.  

Snodo ramponi

Comments (0)

Login or sign up to be the first one to comment this article.